Bodyreading + Touch

BODYREADING E TOUCH PER OPERATORI FASCIALI

1-2 giorni. Riservato a terapisti formati- inclusi psicologi interessati al corpo.

In preparazione. Sotto ci sono anticipazioni.

Ci mettiamo davanti un corpo, guardiamo la spalla intraruotata e diciamo: “pettorale corto, trapezio teso, sofferenza discale cervicale”, quando non “depresso”.
Cosa veramente abbiamo colto di quel corpo? Nulla. Lo abbiamo trasformato in una macchina da mandare in officina a far “srotolare” la spalla.

Come il sistema muscolare governa la struttura,  allo stesso modo la fascia  governa il muscolo. L’interconnessione struttura-muscolo-fascia crea un Sistema Operativo nel quale ogni parte col tempo assume un carattere, un modo di reagire, una personalita’ per se’ e in relazione alle altre parti.
Allora che carattere ha un quadrato dei lombi, uno psoas, un quadrato della pianta?
Cosa ci dicono toccandoli?  Sappiamo ascoltarli e sappiamo rispondergli?

“Come sono stanche queste braccia” mi disse il mio rolfer solo toccandole. E noi sappiamo dire la stessa cosa? Guardiamoci attorno: siamo disposti ad umanizzare cani e gatti, rane e pesci, ci adiriamo per un ragno ucciso e rischiamo di non avere la stessa umanita’ (antropocentricita’) per un tessuto.

Il Bodyreading + Touch (BT) e’ un percorso per imparare la capacita’ terapeutica di dialogo non con l’altro ma con il corpo dell’ altro.  Troppo spesso prendiamo il corpo come qualcosa “su cui fare qualcosa”: da sistemare o rilassare. E siamo anche irritati se la persona non rilassa il braccio o si lamenta. L’accusiamo di essere… Oppure al contrario siamo distantissimi da lei attraverso pratiche di donare  “benessere-amore-energie” che sono un modo autogratificante per dirsi “io sono ok”.  Intanto non abbiamo ascoltato, ci siamo persi il cosa diceva il corpo. Perdiamo la potenzialita’ sensibile delle mani, la dote dell’ ascolto e in conclusione la possibilita’ di essere terapisti. Siamo diventati i meccanici della riabilitazione e del benessere.
=====
Note tecniche.
Corso adatto a chi massaggia da tempo o e’ vicino a metodi psicocorporei. Fondante se si lavora su traumi [NB: piccoli traumi. Per i grandi traumi il percorso e’ cosa infinitamente piu’ impegnativa per la quale rimandiamo a Baldwin e Peter Levine]

Richiede due giorni distanti fra loro intermediati da esercitazioni.

Consiglio: una preparazione nel Deep Massage o in un buon miofasciale e’ un ottimo strumento per facilitarsi l’ apprendimento. Se la mano ha difficolta’ a passare dal piano soft a quello deep questo corso potrebbe essere difficile.