Trager

(Integrazione Psicofisica Trager®)

Milton Trager nasce a Chicago nel 1908.
E’ un bambino debole, malaticcio, con una deformazione congenita alla spina.
Con pazienza e allenamento raggiunge il fisico di un ginnasta e pensa di dedicarsi alla boxe.
Ha 18 anni quando, per caso, inizia a massaggiare il proprio allenatore e poi le persone di famiglia.
Istintivamente egli usa un tocco leggerissimo, non modifica direttamente il tessuto ma piuttosto manda al Sistema Nervoso input di modificazione.
Abbandona la carriera di pugile per dedicarsi alla danza e nel 1941 diventa fisioterapista.
Nel 1955 si laurea in medicina e si trasferisce alle Hawai.
Giorno dopo giorno perfeziona il proprio metodo e nel 1975 lo troviamo ad Esalen, da dove inizia a diffonderlo.
L’Integrazione Psicofisica Trager, come dice il nome, è soprattutto una comunicazione che si stabilisce fra bodyworker e cliente, i movimenti sono leggere compressioni, stiramenti, flessioni estensioni, mobilizzazioni.
“Mettete le piume alle vostre mani” si raccomanda nei corsi.
E il Trager usa le mani in modo delicato per dare proposte di libertà di movimento, sollievo dal dolore, consapevolezza del fisico e percezione interiore.
Questo agisce sui modelli psicofisici interni, nati in passato per rispondere ad eventi per i quali allora erano la miglior risposta possibile, ma che si sono fissati ed oggi probabilmente non sono più ottimali.
Inconsciamente vi facciamo ricorso per assenza di conoscenze, di alternative e mancanza di stimoli a ricercarle.
Come altri modi di lavoro sul corpo, anche questo può così incidere nel cambiare il nostro atteggiamento verso la vita.

Milton Trager

Nel Trager non ci sono ricette, formule, regole, procedure codificate.
Il focus è posto sul rilassamento profondo con manovre ritmiche, dolci, non invasive.
Il ritmo agisce sul sistema vestibolare e sui recettori di movimento, il rilassamento permette una propriocezione diversa e lo stimolo dei recettori nelle articolazioni riduce il dolore, abbassa il tono muscolare e lo migliora.
Pur non essendo una tecnica posturale, l’abbassamento delle tensioni muscolari, consente una migliore postura.
Complemento al Trager è la Mentastica®, contrazione di mente+ginnastica, consistente in una serie di esercizi di rilassamento non statici.
Per questa sua valenza sul Sistema Nervoso il Trager è stato usato anche all’interno di programmi di terapia per danni neurologici.
Dal 1989 è possibile diventare trageristi anche in Italia.
Per saperne di più:
www.trager.com